Il Segreto trama e anticipazione del 23 giugno: Francisca chiede aiuto



Nella puntata di venerdì 23 giugno della soap opera spagnola Il Segreto vedremo Francisca arrivare a compiere un gesto che mai avrebbe pensato di fare e cioè quello di chiedere aiuto al suo acerrimo nemico. Così la donna durante la visita di Severo Santacruz alla Villa gli lascerà un biglietto senza che Cristobal se ne accorga. Nel biglietto la donna scriverà una frase per fargli capire di essere in pericolo. L’uomo leggerà il suo biglietto? Ma soprattutto aiuterà la donna dalla disfatta?

Il Segreto trama e anticipazione del 23 giugno: Francisca confida nella buona fede di Severo

Francisca Montenegro è al collasso e non sa più cosa fare per uscire indenne da questa schiavitù. La donna è costretta a subire le peggiori umiliazioni e privazioni. In questo devastante scenario penserà bene di chiedere aiuto a chiunque. Fortunatamente alla Villa si presenterà Severo giunto per accusare la donna per le recenti denunce ricevute dalla Guardia Civile. In quel frangente Francisca escogiterà un piano per fargli avere un bigliettino con una legittima richiesta d’aiuto. Questa scena sarà vissuta al cardio palma dato che la donna vivrà nella paura che Cristobal possa accorgersi del suo tentativo. Fortunatamente il bigliettino andrà nelle mani giuste. Ora per la donna non resta che aspettare. Severo lo leggerà ma soprattutto capirà che Francisca è in pericolo? Dato quello che è successo con la storia delle denunce degli orfanelli il Santacruz inizia ad ipotizzare che si tratti di una nuova strategia da parte della donna, ragion per cui esclude la possibilità di dare importanza a quanto scritto nel bigliettino. L’uomo però non nasconde un certo sospetto circa cià che sta succedendo in quella casa. L’atmosfera percepita è piuttosto lugubre e satura di odio e cattiveria. Si chiederà così se Cristobal è un alleato o un nemico della donna?


Il Segreto anticipazione puntata 23 giugno: il ritratto di Beatriz

Hernando si è messo sulle tracce di Elias con lo scopo di farlo arrestare dalla Guardia Civile per l’assassinio di Remedios ma anche per una serie di misfatti compiuti durante la sua assenza. Le ricerche però si rivelano difficili ed estenuanti anche perchè nessuno è in possesso di una foto del giovane ricercato. Così Hernando chiede a Beatriz di realizzare un ritratto di Elias in modo da utilizzare i suoi schizzi per rintracciare il prima possibile il giovane chimico. Il suo disegno ricalca alla perfezione il viso di Elias e più tardi si rivelerà provvidenziale ai fini della cattura dell’uomo. Gli inquirenti ringrazieranno la giovane il cui ritratto sarà molto utile per le future indagini.

Infine vedremo Nicolas molto scosso dal recente confronto con Alfonso, il quale continua a ribadire la sua totale estraneità alla vicenda legata alla sparizione di Mariana. Il fotografo però continua a ribadire che sono stati i Castaneda a nascondere sua moglie per non farla più tornare a Murcia con lui. Rosario esclude a priori questa possibilità dato che sua figlia non lascerebbe mai la piccola Juanita, quindi è evidente che sia successo qualcosa di grave a Mariana. Nicolas non crede alle loro versioni, arrivando ad impedirgli di vedere Juanita fino a quando non gli riveleranno il luogo dove è nascosta la giovane. Sarà la stessa Rosario a convincerlo dei suoi errori. La donna lo guarderà fisso negli occhi e con le lacrime gli confermerà la loro tesi: essi non sanno dove si trova Mariana e il solo pensiero che le possa essere accaduto qualcosa li distrugge nel profondo del loro animo. A quel punto Nicolas inizia a nutrire dei dubbi sulle sue convinzioni. Se Mariana non si è rifugiata a Puente Viejo dalla sua famiglia, dove è finita davvero?




Leggi anche: