• Home »
  • Gossip »
  • Fabrizio Corona è stato incastrato: spunta l’inquietante sospetto gossip

Fabrizio Corona è stato incastrato: spunta l’inquietante sospetto gossip



Il personaggio Fabrizio Corona non ha perso il suo proverbiale e innato appeal. Continua ad essere al centro delle cronache di gossip, oltre che, naturalmente, giudiziarie. Negli scorsi mesi è iniziato il processo a suo carico presso il Tribunale di Milano.

Fabrizio Corona

Corona è indagato dallo scorso ottobre 2016 per reati di tipo fiscale. Ricorderete tutti la vicenda dei 2,6 milioni di euro in contanti nascosti nel controsoffitto di casa sua. Ma, in questo senso e su altro, spunterebbe un’ipotesi inquietante. Un vero e proprio raggiro nei suoi confronti.


Fabrizio Corona sarebbe stato incastrato da qualcun altro. L’accusa pesantissima la lancia la sua attuale fidanzata, Silvia Provvedi. La ragazza sostiene la sua tesi, intervistata a Mattino 5 da Federica Panicucci. La componente de Le Donatella spiana la strada ad un’ipotesi alquanto inquietante: “Fabrizio voleva risollevarsi completamente e stava risolvendo i suoi problemi per poi ripartire. Poi ci hanno messo una bomba carta sotto casa, ma Fabrizio da aggredito è diventato condannato. Spero che i giudici facciano chiarezza”. 

Cosa avrà voluto dire la Provvedi con le citate e testuali dichiarazioni? Può esserci qualcun altro ad averlo raggirato ed incastrato? Ipotesi tutte da verificare con prove certificate. Il clima, intanto, si fa sempre più conflittuale. Lo si intuisce dall’ultima udienza andata in scena nelle scorse settimane, all’interno della quale Fabrizio Corona ha pesantemente insultato Luigi Favoloso, l’attuale fidanzato della sua ex moglie Nina Moric.

Il Favoloso è stato accusato dal Corona di essere, in un certo senso, il responsabile della bomba carta scoppiata sotto casa sua. Movente, a suo dire, legato all’ottenimento della custodia del figlio Carlos. Accuse pesanti lanciate in aula. Ma la posizione di Fabrizio Corona appare compromessa. Al suo fianco Silvia Provvedi. Sempre e comunque. Al di là delle accuse e delle insinuazioni verso terzi.