Gianni Sperti polemico contro Uomini e Donne: attacco aperto sui social!



Uomini e Donne all’insegna delle polemiche e dei battibecchi. Nello studio televisivo, come sui social, terreno fertile in questo senso. Proprio dai social arriva una pesante frecciatina firmata Gianni Sperti. Ma stavolta nel mirino non c’è Paola Barale.

Gianni Sperti

Negli scorsi giorni, infatti, Gianni Sperti aveva fatto incuriosire in tanti con un suo post tanto polemico quanto curioso. Al punto tale che in tanti lo hanno associato alla figura dell’ex moglie Paola Barale, con cui i rapporti, negli anni, sono stati tutt’altro che idilliaci. E lo sono ancora tuttora.

Ma stavolta Gianni se la prende con qualcun’altro.


Di chi si tratta? Gianni Sperti lancia un’altra frecciatina social delle sue. L’opinionista di Uomini e Donne proprio non riesce a stare lontano dalle polemiche in questo periodo. Lui, in genere, è uno che non le manda a dire. Il post sarebbe stato rivolto ad alcune coppie che si stanno formando o che si sono formate a Uomini e Donne.

Riferimento a qualche “personaggio” in particolare? Questo il post in questione:  “Il potere delle telecamere. Love is love. #business”. Alcuni ipotizzano possa essere rivolto a Gemma Galgani questo post in tono polemico, considerando che, al contrario, con Giorgio Manetti non c’è mai stato nessun tipo di astio, anzi.

Cosa che, invece, sembra percepirsi con la nuova tronista Rosa Perrotta. La ragazza finisce quasi sempre nel mirino dell’opinionista, accusata di essere impostata e poco spontanea nel rapporto con i suoi corteggiatori. Gianni Sperti, in sostanza, accusa tronisti o corteggiatori indefiniti di pensare più a diventare personaggi alla ricerca di visibilità, piuttosto che andare alla ricerca dell’amore.

Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale. Gianni Sperti alimenta la polemica social contro alcune coppie di Uomini e Donne. In attesa di sputare sentenze, bonariamente parlando, anche lì nello studio televisivo di Maria De Filippi. La verità verrà a galla per tutti. Prima o poi. Parola di Gianni.