Samantha De Grenet cancella i danni dell’Isola



L’esperienza dell’Isola dei Famosi lascia il segno. Dopo il ritorno a casa moltissimi concorrenti, quasi tutti in verità, hanno dichiarato che si trattava di un’esperienza indimenticabile. 

Samantha De Grenet

Certo non capita tutti i giorni di rimanere per mesi su un’isola deserta nella quale occorre procacciarsi il cibo per sopravvivere. Non solo. Bisogna badare al fuoco, sopportare il sole cocente e la pioggia tropicale e ovviamente la fame. Nelle ultime puntate dell’Isola dei Famosi 2017, abbiamo visto i concorrenti sorprendersi di fronte allo specchio.

Per intere settimane non hanno potuto vedersi, fa parte del gioco. Certo, è naturale poi, al ritorno a casa, voler rimediare a quanto di terribile è accaduto sull’Isola al proprio aspetto. Così vediamo i concorrenti molto dimagriti ma subito tornati con capelli perfetti e trucco invidiabile.

Eppure l’Isola ha lasciato tracce più impegnative da cancellare. Ad esempio per Samantha De Grenet. La bellissima showgirl infatti è stata considerata per settimane la vera e propria regina indiscussa dell’Honduras. Eppure poi i rapporti con gli altri naufraghi si sono incrinati e lei è stata eliminata al televoto. Così l’abbiamo vista apparire con un meraviglioso abito bianco che pochissimo lasciava all’immaginazione.

Del resto Samantha è molto dimagrita ed è normale che voglia mostrare la sua forma smagliante. Eppure non tutto era ancora perfetto. Il sorriso ad esempio era molto compromesso, stando almeno a quanto ha dichiarato Samantha ai suoi fan.

Sulla sua pagina social ufficiale infatti, la De Grenet ha condiviso un’immagine che la ritrae insieme al suo fidatissimo dentista. Samantha scrive: .. e per fortuna che conosco il n. 1 dei dentisti… Grazie Giampaolo di Cannizzo Studio per aver cancellato in un attimo il danno di quegli orrendi fruttini di Playa Uva… 



Un ricordo non certo piacevole, che Samantha si è affrettata a cancellare, con ottimi risultati. Infatti il suo sorriso appare più splendente e candido che mai.



Leggi anche