• Home »
  • News »
  • Sanremo 2017, la terza serata con le eliminazioni di alcune Nuove Proposte

Sanremo 2017, la terza serata con le eliminazioni di alcune Nuove Proposte



Ieri sera è andata in onda la tanto attesa terza serata del Festival di Sanremo. A partire dalle 20.50 circa, Carlo Conti ha ripreso le redini del Festival, cominciando questa volta dai giovani in gara per la prima volta sull’Ariston. Le cosiddette Nuove Proposte, arrivate dopo lunghe selezioni all’esibizione di ieri sera, sono Maldestro, Tommaso Pini, Valeria Farinacci e Lele.

Il primo ad affrontare l’emozione di calcare il palco dell’Ariston è Maldestro. Il suo pezzo si chiama Canzone per Federica. Dopo di lui c’è spazio per un altro giovane che propone una canzone dal titolo Cose che danno ansia. Si tratta di Tommaso Pini, che per secondo presenta la sua voce e il suo pezzo a Sanremo. Dopo i due ragazzi, con un abito rosso arriva Valeria Farinacci. Con il suo pezzo dal titolo Insieme, ha incantato il pubblico dell’Ariston. Ultimo ma non certo per importanza è arrivato Lele, che ha cantato la sua canzone dal titolo Ora Mai. Quest’ultimo è decisamente il più conosciuto tra le Nuove Proposte, poiché è stato finalista al programma Amici 15 di Maria De Filippi.

Il televoto viene interrotto subito dopo l’esibizione delle quattro Nuove Proposte e subito si comincia a dare un po’ di brio alla serata. Maria De Filippi entra in scena con un abito scuro fantasia e comincia subito a scherzare con Carlo Conti. Il tono e le modalità con cui parla sembrano proprio quelli che utilizza quando racconta delle storie nel suo programma C’è Posta Per Te. L’esito del televoto è pronto per essere condiviso con il pubblico. Scopriamo così che sono stati eliminati Tommaso Pini e Valeria Farinacci. Di conseguenza proseguono l’avventura sanremese Lele e Maldestro.



Ancora una volta, come è già accaduto durante la prima serata, Maria e Carlo si siedono sui gradini del palco e cominciano a raccontare della loro infanzia. Maria racconta che faceva molto sport, mentre Carlo che era un bambino tranquillo, ma già scuro. Mi chiamavano Calimero, dice. Un bel modo per introdurre lo Zecchino d’oro con il Piccolo Coro Mariele Ventre dell’Antoniano di Bologna.