• Home »
  • Gossip »
  • Francesco Facchinetti e la “guerra” agli scrocconi: la polemica!

Francesco Facchinetti e la “guerra” agli scrocconi: la polemica!



Francesco Facchinetti ha recentemente postato sulla sua pagina social un video piuttosto eloquente in cui si dichiara indignato per il comportamento di alcuni suoi colleghi vip, i quali facendo leva sulla propria popolarità elemosinerebbero sconti  di vario tipo nei vari ristoranti ed esercizi commerciali. Insomma per Francesco è davvero vergognoso per poi dichiarare “guerra” agli scrocconi.

Francesco Facchinetti gossip: polemizza contro i vip scrocconi

Il video di Francesco con il quale attaccherebbe quella parte di vip che usano la propria fama per scroccare sconti sta facendo il giro del web grazie alle numerose condivisioni ma soprattutto al numero di commenti positivi ricevuti dal figlio d’arte. “Ma non ti vergogni? Barbone, scroccone. Questo messaggio è per tutti quelli famosi che chiedono lo sconto o le cose gratis. Siete dei barboni. Già avete avuto la fortuna di trasformare la vostra passione in lavoro; in più guadagnate un sacco di soldi e chiedete lo sconto”, ha poi proseguito. Le sue parole sono state molto apprezzate dal web e anche dai suoi detrattori che lo hanno sempre definito una persona poco umile. Invece con questo post ha dimostrato di essere molto diverso dall’opinione comune.



Insomma secondo Francesco è davvero ignobile che molti vip si approfittino della situazione per risparmiare, scavalcando chi lavora onestamente e sopratutto mancando di rispetto alle attività commerciali nelle quali si è presentato. Nel video il dj non ha fatto ovviamente il nome di questo scroccone, dichiarando che la sua non è una denuncia personale ma è solo un pretesto per puntare il dito verso questa categoria di vip. “Quando l’ho visto non ci potevo credere. Ho pensato ma veramente c’è gente che fa ancora così. Molto spesso capita che gli altri ti vogliano fare lo sconto, ma addirittura chiederlo sottolineando il proprio grado di popolarità…lo trovi così squallido e triste”