Sebastian dramma familiare ad Amici 2017 Serale: il racconto shock



Amici 2017 il Serale sta per giungere al suo ultimo appuntamento. Siamo al fotofinish. La linea del traguardo è lì all’orizzonte. Ben visibile. Sabato 27 maggio 2017 si decide il destino dei ragazzi.

Sebastian Melo Taveira

In programma la finalissima tanto attesa e desiderata. Quattro allievi, tra cantanti e ballerini blu e bianchi, si contenderanno la vittoria finale. La scorsa puntata, intanto, è ancora sotto gli occhi e le orecchie di tutti per una questione privata e delicata sul piano familiare raccontata dal ballerino Sebastian.


Sebastian Melo Taveira protagonista ad Amici 2017 il Serale. Non tanto nel ballo, quanto nell’esposizione orale e dai tratti drammatici di un fatto familiare che lo coinvolge in prima persona. Tra una competizione e l’altra, spazio anche ad una confessione intima e scioccante.

In pieno stile Maria De Filippi e C’è posta per te. Nella fattispecie, il buon Sebastian ha raccontato di avere nostalgia del fratello che non vede da ben 16 anni. Il suo intento sarebbe quello di riportarlo in Italia. Nel parlarne gli scendono delle lacrime che commuovono anche il pubblico televisivo.

Da quando si è trasferito dal Sud America in Italia, il ballerino della squadra bianca ha dovuto lasciare i suoi affetti, tra cui il fratello. Chissà che non possa regalargli una gioia a distanza aggiudicandosi la sedicesima edizione del talent condotto da Maria De Filippi. Impresa complicata considerando gli avversari in gioco.

Ma non impossibile. Sebastian Melo Taveira se la giocherà con i vari Riccardo Marcuzzo, Federica Carta e Andreas Muller. I primi due dati come assoluti favoriti alla vittoria finale. Probabili finalisti tra i quattro in gioco. Sebastian, invece, viene dato come vincitore assoluto nella categoria ballo.

Più di Andreas. Ancora pochi giorni di attesa e anche questi pronostici saranno confermati o smentiti dai fatti. Amici 2017 il Serale in attesa dell’evento finale. Sabato 27 maggio l’appuntamento imperdibile per tutti.



Leggi anche