Sonia Bruganelli si difende: sono privilegiata ma non ipocrita



Da alcune settimane si trova al centro del ciclone. C’è chi dice che se l’è meritato, chi invece che si tratta solamente di una montatura per aumentarne la popolarità. Quel che è certo è che Sonia Bruganelli fino a qualche tempo fa era la quasi sconosciuta moglie di Paolo Bonolis

Sonia Bruganelli

Un anonimato nel quale Sonia sembrava trovarsi a suo agio. Sonia ha sposato Paolo Bonolis ben consapevole della sua notorietà, ma per lei si tratta soprattutto del padre dei loro tre bellissimi figli Silvia, Davide, Adele. Non si può negare che Sonia Bruganelli sia una donna fortunata, anche se certo non tutto è oro quel che luccica. Dentro di lei si nascondono dolori e infelicità, come accade per qualsiasi altra persona al mondo, famosa o meno.

Allora da dove nasce il polverone mediatico da cui in questi giorni Sonia tenta di difendersi? Da un video nel quale la donna, laureata in Scienza della comunicazione, e attualmente gestrice di una società di produzione televisiva specializzata nell’organizzazione e gestione di casting televisivi, faceva dichiarazioni scomode. Ad esempio quella che fosse impossibile vivere con trenta euro alla settimana.

Spocchia? Desiderio di ostentare il lusso? Sonia dal canto suo afferma che lo scandalo se mai sarebbe stato se lei avesse dichiarato che avrebbe potuto anche vivere una settimana con trenta euro a Cortina.

Insomma Sonia Bruganelli non ci sta a passare per capro espiatorio di una situazione montata ad arte contro di lei. Ciò che la moglie di Paolo Bonolis proprio non sopporta è l’ipocrisia. Sui social dopo la sua uscita l’hanno attaccata in moltissimi e lei certo non ha fatto finta di niente.



Sonia è consapevole di essere una donna privilegiata ma non lo nega, non vuole fare finta che i soldi e la posizione che ricopre non esistano. Desidera essere quella che è senza filtri né ipocrisie.




Leggi anche: