Anticipazioni Un Passo dal Cielo 4, puntata 14 marzo Roccia rischia di morire



Nella puntata di martedì 14 marzo della serie tv targata Rai Uno Un passo dal cielo giunta alla sua 4a stagione vedremo per quale motivo Roccia rischia seriamente di morire.

All’uscita di un centro commerciale il simpatico Roccia viene ferito gravemente da un rapinatore. Le sue condizioni sono molto critiche e d’urgenza viene trasportato nell’Ospedale più vicino. La possibile morte dell’uomo innesca una serie di reazioni tra sospetti e responsabilità. Intanto polizia e forestale si mettono alla ricerca dell’aggressore che potrebbe colpire ancora.

Sul piano dei sentimenti il ritrovato rapporto tra Livia e Francesco spinge Emma a stare il più possibile lontano da loro, ma quando l’uomo si troverà in una situazione di pericolo la donna accorrerà immediatamente mossa dalla grande paura di perderlo per sempre. In questo modo Francesco capirà quali sono i veri sentimenti di Emma nonostante la donna cerchi di sembrare forte e distaccata. Eppure neanche questo momento riuscirà a far trionfare il lieto fine.



Nel frattempo Eva e Cristina saranno protagoniste di un simpatico siparietto dato che durante l’annuale Korb Fest cercheranno di accaparrarsi le attenzioni di Vincenzo. Il recente ritrovamento del corpo privo di vita di una della cameriere di casa Hofer spinge ad indagare all’interno della ricca famiglia di Anna, scoprendo una serie di segreti che metteranno a dura prova la sua credibilità sociale.

Successivamente vedremo Eva licenziare Cristina e con l’intenzione di gestire autonomamente il b&b, ma la sorella di Huber non vuole accettare questa decisione e si impegna a sabotare la sua iniziativa. Infine vedremo in che modo Roccia supererà le prime cure, con la triste possibilità che il suo corpo possa spegnersi. Dietro quest’aggressione si anniderà il sospetto che non sia del tutto casuale quello che è successo Roccia. Le indagini proseguiranno verso un senso per poi scoprire che la soluzione del caso era dietro l’angolo.



Leggi anche