• Home »
  • News »
  • Michele Bravi porta a Sanremo 2017 Il diario degli errori

Michele Bravi porta a Sanremo 2017 Il diario degli errori



Sanremo è una grandiosa macchina quasi perfetta. Nel caos di chiacchiere, gossip e commenti sui look, spesso passano in secondo piano le vere protagoniste della kermesse canora per eccellenza, le canzoni del Festival appunto.

Se da un lato Carlo Conti ricorda che mancano una ventina di giorni all’inizio del Festival e fa patire il primo conto alla rovescia ufficiale, dall’altro lato ci sono loro, i cantanti, alle prese con le emozioni e le prove de pre Festival. L’Ariston è un simbolo di chi ce l’ha fatta, che si tratti di big o di nuove proposte, la presenza qui non è mai scontata ed è, giustamente, sempre motivo di orgoglio e soddisfazione.

Uno di quelli che in questi giorni condivide ansia, gioia ed esaltazione pura è Michele Bravi. Sulla sua pagina social ufficiale, il cantante condivide i primi scatti delle prove con l’orchestra del Festival e scrive: I musicisti sono pazzeschi, il mio direttore è incredibile e io ho finito tutti gli aggettivi per dire che sono esaltato da matti! SANREMO ARRIVIAMO!

Ventidue anni, originario di Città di Castello, Michele Bravi si è fatto strada a suo di provini e selezioni. Viene direttamente dalla settima edizione del Talent Show Musicale della tv, X Factor. Arrivato in sordina tra gli Under Uomini, Michele fa sentire subito la sua voce e infatti viene notato dal cantante Tiziano Ferro. Quest’ultimo scrive insieme insieme con Zibba il brano “La vita e la felicità”, che poi gli propone di cantare. La vittoria del Talent Show Musicale avviene di conseguenza e il singolo arriva in vetta alle classifiche, con ben più di 15.000 copie vendute. Siamo nel 2013.



Per Michele arriva il successo e la partecipazione, quest’anno, al Festival di Sanremo con la canzone Il diario degli errori. Michele è emozionato ma ha le idee molto chiare. Per lui Sanremo è un’enorme opportunità per raccontare il suo progetto davanti all’Italia. In questo senso per lui la competizione passa in secondo piano. Innanzitutto le canzoni.




Leggi anche: