Barbara D’Urso a Domenica Live: torna la dottoressa Giò



Domenica Live si conferma il programma di punta della domenica pomeriggio. Ormai Barbara D’Urso è la regina suprema della rete Canale 5. Oltre a condurre tutti i giorni Pomeriggio Cinque, la bella Barbara prosegue con la sfida della domenica pomeriggio. Una sfida vinta per ora, grazie ad un format che non conosce crisi. Personaggi famosi si mescolano a fatti di cronaca, leggerezza e realtà creano un mix esplosivo che garantisce un successo di pubblico sempre crescente.

Settimana scorsa Barabara aveva annunciato che, grazie agli ascolti record, per il suo programma domenicale non ci sarebbe stata la consueta pausa. Prima dello stop previsto per le vacanze di Natale infatti sarebbro state registrate altre due puntate. Un proseguo che non era originariamente previsto ma che si giustifica facilmente considerando il numero di spettatori che seguono ogni domenica Barbara D’Urso. Domenica scorsa non ha fatto eccezione, visto che ancora una volta Domenica Live si conferma leader della domenica pomeriggio. Gli ascolti crescono e arrivano a toccare punte di oltre tre milioni e duecento mila spettatori. In termini percentuali ciò significa il 21% di share.


Un risultato che non può che rendere felice e fiera Barbara D’Urso. La conduttrice ha condiviso una bella fotografia con i suoi fan, nella quale si dice 6 punti sopra il cielo! Sul web i fan si scatenano e in larga parte sostengono Barbara e il suo programma. Lei per tutta risposta condivide uno scatto a fine puntata. Nella fotografia di gruppo insime a Barbara ci cono Massimo Boldi, Enzo Salvi, Marco Baldini, Max Cavallari, Valeria Graci, Victoria Silvstedt, Alvaro Vitali, Debora Villa, Vittorio Sgarbi e Facci.

Domenica scorsa poi, c’è stata una sorpresa per gli spettatori. Barbara ha lasciato intravedere la possibilità che ritorni in onda la Dottoressa Giò. Pare dunque che Barbara D’Urso tornerà ad interpretare il ruolo della ginecologa Giorgia Basile, protagonista della serie La Dottoressa Giò trasmessa da Rete 4 nel 1997 e nel 1998.




Leggi anche: