• Home »
  • Gossip »
  • Scontro tra coppie a Pomeriggio Cinque Damante e Di Carlo uno contro l’altro

Scontro tra coppie a Pomeriggio Cinque Damante e Di Carlo uno contro l’altro



Giulia De Lellis e Andrea Damante hanno annunciato il loro matrimonio. Già da settimane seguiamo la coppia e forniamo ai nostri lettori dettagli e curiosità su tutto ciò che di nuovo avviene nelle loro vite. Il periodo trascorso nella casa del Grande Fratello Vip è stato intenso non sono per Andrea, ma anche per Giulia. Fuori e dentro gli studi televisivi, tra un commento e una foto condivisa sul profilo social ufficiale, Giulia è riuscita a mantenere i nervi saldi. Una sfida vinta per la coppia, che ora si gode la notorietà e soprattutto la tanto agognata vicinanza.

Martedì pomeriggio, 22 novembre, Andrea e Giulia erano nello studio di Barbara D’Urso, ospiti ormai quasi fissi di Pomeriggio Cinque. Eppure i due non erano gli unici reduci dal percorso di Uomini e Donne. Insieme con loro c’erano anche Teresa Cilia e Salvatore Di Carlo. Tra una chiacchiera e l’altra, è arrivato lo scontro tra le coppie, forse inevitabile. Andrea Damante infatti ha espresso a voce le sue perplessità rispetto alla decisione di Salvatore di fare la proposta di matrimonio a Teresa di fronte alle telecamere. Una scelta forse troppo ostentata, a suo modo di vedere. 

Per evitare lo scontro aperto, Andrea tenta da subito di aggiustare il tiro. Specifica quindi chiaramente che non intendeva dire che Salvatore avesse fatto male ma piuttosto che, a suo parere, la scena della proposta di matrimonio a Uomini e Donne fosse un po’ troppo esagerata. Se Andrea dovesse fare una proposta di matrimonio a Giulia, stando almeno a quando ha dichiarato a Pomeriggio Cinque, lo farebbe in privato, in un posto anche sperduto e possibilmente romantico.



A rispondere alle sue parole è Teresa che ha rimarcato come anche Andrea fosse molto esagerato. Il riferimento esplicito è alle lacrime che Andrea ha versato nella casa per Giulia. Salvatore sottolinea come abbia agito col cuore e dunque ne vada fiero.




Leggi anche: