Boom di ascolti per la prima puntata di Selfie – Le cose cambiano



Dopo presentazioni, pubblicità e indiscrezioni varie, ieri sera è finalmente andata in onda la prima puntata di Selfie – Le cose cambiano. Il programma rappresenta un’assoluta novità nel panorama televisivo italiano. Ad una prima occhiata infatti, potrebbe sembrare simile al programma Mediaset Il Brutto Anatroccolo, ma non è affatto così. Simona Ventura ha creato e conduce un programma del tutto nuovo, nel quale la sua squadra aiuta persone che davvero meritano. Più volte nel corso della prima puntata la conduttrice ha pronunciato queste parole. Da un lato c’è la volontà di far capire al pubblico con quale criterio si accettino alcune richieste, mentre se ne respingano altre. Dall’altro c’è anche il desiderio di dare al programma un taglio sociale. Simona ha accanto a sé un vero e proprio team di esperti che la affianca nei percorsi dei concorrenti.

All’inizio si comincia dalla scoperta di una storia personale, spesso dolorosa o difficile. Poi si valuta se la richiesta possa o meno essere accettata. Una formula che alterna i momenti in studio alla visione di filmati e registrazioni. Il tono durante tutta la puntata alterna ironia, risate a emozione pura e lacrime. Insomma un mix esplosivo, che ha fatto del programma un vero successo.

A seguire Selfie – Le cose cambiano ieri sera c’erano quasi quattro milioni e duecentomila telespettatori, tradotto in percentuale, significa ben il 20,23% di share. Insomma dati di cui Simona non può che essere soddisfatta, basti pensare che queste stime riguardano la media della serata. In alcuni momenti infatti, si sono raggiunte vette del 30% di share e si sono superati i cinque milioni e seicentomila telespettatori.



Suddividendo le percentuali in base alle fasce d’età, possiamo dire che la fascia 15-64 anni ha superato il 21% di share. I giovani di età compresa tra i 15 e il 34 anni sono arrivati poco sotto il 30% mentre i giovanissimi (tra i 15 e i 19 anni di età) sono arrivati al 24% di share.




Leggi anche: