Alessia Macari e Paola Caruso si scontrano a Pomeriggio Cinque



In questi primi giorni di libertà dalla casa più spiata d’Italia, Alessia Macari si gode la vittoria. La giovane ha vinto una considerevole somma di denaro, centomila euro. Tuttavia la metà di questi soldi sono stati donati in beneficenza. Alessia, una volta uscita dalla casa, ha voluto dedicarsi ai suoi affetti più grandi. Ha infatti condiviso con i fan diverse fotografie che la ritraggono con la madre, in un abbraccio emozionato e con altri componenti della sua famiglia. Un primo selfie è stato scattato con nonno Silvio e ovviamente condiviso con i moltissimi fan della Cioci. A seguire Alessia ne ha condiviso un altro, dolcissimo, con la sorellina.

Ma Alessia non si è del tutto nascosta dalle telecamere, anzi. Ha deciso di partecipare alla trasmissione di Barbara D’Urso Pomeriggio Cinque. Qui è stata intervista insieme con Paola Caruso, ex naufraga dell’Isola dei Famosi. Paola e Alessia erano molto amiche e molto vicine. Eppure ora la presenza di Paola a Pomeriggio Cinque diventa un’occasione ghiotta per attaccare la ormai nemica Alessia. 

“Le ho dato tutto, sono una persona troppo buona. Sono stata una stupida, l’ho trattata come una sorella. Pensa che le ho pure trovato la casa a Roma quando è venuta a lavorare. Le ho fatto conoscere tutti i miei posti, tutti i miei amici”. Queste le parole piene di rancore e di rabbia pronunciate nel salotto di Barbara D’Urso da Paola.



Alessia non ha lasciato correre e ha reagito, delusa e amareggiata. “Quando gli sponsor mi davano un paio di scarpe ne chiedevo sempre uno in più anche per lei, perché non aveva i soldi per comprarsi 5 paia di scarpe al giorno. Dopo un anno ho scoperto che lei scriveva ai miei sponsor e proponeva loro di fare da testimonial gratuitamente. Io le raccontavo sempre tutto, sapeva anche quante volte andavo al bagno. Lei invece aveva i suoi sotterfugi, una vita segreta che non voleva farmi conoscere. Mi ha pugnalato alle spalle. Sono ferita, ha tradito la mia amicizia”.




Leggi anche: