La lettera per Bettarini di suo figlio Niccolò



Oltre l’immagine dell’uomo duro e forte, c’è molto di più. Stefano Bettrini appare al pubblico come un uomo che basta a se stesso e dalla forte personalità. Certo, Stefano non è uno di quelli a cui si mettono facilmente i piedi in testa, ma le cose ora appaiono molto diverse.

Nonostante le sue confessioni segrete riguardo alle conquiste amorose di cui si è vantato in diretta, di Stefano è emersa un’altra faccia. Soprattutto durante le dirette, l’ex calciatore ha mostrato a tutti un lato nascosto di grande umanità e soprattutto di estrema fragilità. Tutti ricordano le sue lacrime mentre parlava con la sorella, il suo sguardo dimesso e le sue scuse pronunciate con voce rotta dal pianto.

Stefano ha ammesso in diretta nazionale che, forse, non ha del tutto superato la rottura con Simona Ventura e ciò non è affatto facile. Inoltre si è assunto tutta la responsabilità per ciò che era accaduto nella casa e per le confessioni shock a cui tutta l’Italia ha assistito attonita. Non da ultimo ha scritto una lettera a Clemente Russo, espulso dalla casa per una conversazione su Bosco avuta proprio con lui, Stefano.

Il 7 ottobre scorso, Niccolò, uno dei due figli che Stefano ha avuto da Simona Ventura, ha compiuto diciotto anni. Stefano non ha potuto festeggiare con lui, ma è riuscito a realizzare una maglietta che ha deciso di indossare nel corso della quarta puntata andata in onda lunedì 10 ottobre. Nel corso di quella puntata, era stato concesso a Stefano di inserire la maglietta in un pacco perché fosse recapitata al figlio. 



Lunedì sera, durante la quinta puntata, Stefano ha potuto ricevere e leggere una lettera che il figlio Niccolò gli aveva scritto: “Il giorno del mio compleanno ti ho pensato molto. Avrei voluto ci fossi anche tu ma sei dentro la casa in questa, per te, bellissima avventura. Spero che tu possa proseguire il più a lungo possibile ma soprattutto che tu ne possa uscire cambiato in alcuni aspetti. Ricorda però… Che noi saremo sempre orgogliosi di te!”.




Leggi anche: