L’intervento di Alex Nuccetelli in difesa della figlia Asia



La puntata del Grande Fratello Vip andata in onda ieri sera è stata ricca di colpi di scena. Arrivati alla quinta puntata, eravamo consapevoli che tutto sarebbe potuto accadere.

Da quando Ilary Blasi e Alfonso Signorini sono alla guida del programma di Canale 5, non c’è stato un momento di tregua. Dalle accuse di omofobia rivolte a Clemente Russo, alle rivelazioni scottanti di Stefano Bettarini riguardo alle sue conquiste amorose, le ultime settimane dentro e fuori dalla casa sono state un turbinio di colpi di scena e grandi emozioni.

La puntata andata in onda ieri sera in prima serata su Canale 5 non ha fatto eccezione. Le acque si sono subito agitate per via di un battibecco tra Antonella Mosetti e Giulia De Lellis. Dopo la visione di un filmato, Andrea Damante ha dichiarato che tra lui e Asia c’era stato un legame ma che personalmente non gli dava grande rilevanza.

Giulia De Lellis, presente in studio, viene incalzata a dare una sua opinione e ammette che eliminerebbe entrambe le Mosetti dalla casa. Immediata e durissima la replica di Antonella, che non si smentisce mai: “Brava, così ci guardiamo faccia a faccia. Vatti a sciacquare la bocca prima di parlare. Come si permette?”. Dato il tono di Antonella, era inevitabile che nascesse una discussione accesa. Andrea tenta di arginare la Mosetti, che però è un fiume in piena.



“Fa tv da quattro mesi e si permette di parlare, ma chi è?” Antonella incalza Andrea con queste parole dure. L’ex tronista tenta di minimizzare: “Sai come funziona, se le viene fatta una domanda lei deve rispondere”.

A questo punto entra nella casa un personaggio a sorpresa. Si tratta di Alex Nuccetelli, il papà di Asia. Alex si rivolge direttamente alla figlia: “Spesso questi sono giochi che vengono fatti apposta. Di te ho un orgoglio incredibile, sei stupenda, non è facile. Chiedo ad Andrea di cercare di strumentalizzare meno la vicenda. Andre, sei stato il mio preferito fino a un certo punto del percorso”.




Leggi anche: